Post

Visualizzazione dei post da aprile 18, 2010

TITOLI DI TEMI

Immagine
Titoli di temi

Classe terza 1. Io e la pioggia 2.La mia scuola 3.Chi sono io 4. Immagino di vivere nella preistoria ... belve feroci, vulcani in eruzione, terremoti, ma già allora l’uomo si   difende con l’unica arma che ha a sua disposizione: l’intelligenza 5.Davanti alla TV 6.Che bellezza giocare a ... 7.Un giocattolo che desideri da tanto tempo 8.Quella volta, a scuola, mi sono sentita proprio soddisfatta perché ... 9.Volevo fare un dispetto al mio compagno di banco ... ma ... 10.Il mio maestro 11.La maestra Tilde 12.La maestra Rosi 13.La maestra Miria 14.Il mio compagno di banco 15.Il mio papà 16.La mia mamma 17) La gita alle grotte di Toirano e all’aeroporto di Villanova d’Albenga: i miei ricordi, le mie emozioni.

Il punto esclamativo e interrogativo

Immagine
Il punto esclamativo e interrogativo

I due aggettivi, esclamativo e interrogativo, descrivono in modo completo la funzione di questo segno d’interpunzione. La principale difficoltà può nascere dall’uso della lettera maiuscola o della lettera minuscola dopo le esclamazioni o le interrogazioni poste al termine della frase. Il dubbio si scioglie con un semplice ragionamento: se dopo il punto esclamativo o interrogativo si chiude in modo definitivo il periodo, il nuovo periodo deve iniziare con la lettera maiuscola. Quando invece più proposizioni sono in stretta relazione tra loro è preferibile usare, dopo il segno d’esclamazione o d’interrogazione, la lettera minuscola. [“… Novecento suonava, non smetteva un attimo, ed era chiaro, non suonava semplicemente, lui lo guidava, quel pianoforte, capito?, coi tasti, con le note, non so, lui lo guidava dove voleva …”] Anche in questo caso vale lo stesso consiglio: è meglio non abbondare di questi due segni [Che bello!!!], è perfettamente inutile,…