Verifica di lingua italiana: la descrizione degli animali - Tema: Il mio gatto








Verifica di italiano

Tema

Il mio gatto

Tempo fa mi regalarono un gatto a cui diedi il nome di Salem.
la sua corporatura è agile e snella, infatti, quando viene inseguito dalla mia cagnolina Luna, scappa e corre così agilmente da sembrare un ghepardo.
Il suo pelo è morbido e lucente con chiazze grigie sulla schiena e sul petto. Esso ha gli occhi grandi di color verde smeraldo e il suo sguardo è molto espressivo. Il suo musetto di forma triangolare è paffuto e i suoi baffi sono dritti come antenne paraboliche. Salem ama mangiare molto infatti, quando viene da me, io gli do sempre il suo cibo preferito: bocconcini di pesce.
Purtroppo Salem non vive con noi perché Luna, la mia cagnolina, non lo vuole perché ormai la nostra abitazione è il suo territorio. Poco tempo fa, quando Salem era sparito nel nulla, Lorenza venne a casa mia e giocammo fino alle sette e mezza; poco dopo arrivò sua madre per riportare sua figlia a casa.
Per fortuna mia madre e Isabella si misero a parlare per circa venti minuti, così io e Lorenza giocammo ancora un po'.

Ad un certo punto io, dal balcone, sentii uno strano miagolio provenire dalla mia via. Scesi di corsa con Lorenza le scale, aprimmo la porta ed ecco Salem, tutto sporco e malandato. Io, contenta e quasi commossa, lo accarezzai, gli diedi da mangiare e visse per qualche giorno con noi.
Adesso Salem è ancora con me ed io sono molto felice perché non lo lascerò mai e non gli permetterò di scappare da me.


Commenti

Post popolari in questo blog

Argomenti stagionali: brevi unità didattiche relative all'autunno.

Che cos'è la geografia?

Che cos'è la storia?

Esercizi di analisi grammaticale per la classe quinta

Come iniziare a scrivere un buon tema: l'introduzione (l'incipit).

L'autunno

La descrizione di un ambiente naturale (minimo 10 - massimo 15 righe) traccia del lavoro

Link consigliati per la settimana

Verifica di analisi grammaticale per la classe quarta della scuola primaria. - Schede stampabili

"Pinocchio" di Carlo Collodi, capitolo I: "Come andò che maestro Ciliegia, falegname, trovò un pezzo di legno, che piangeva e rideva come un bambino".