I racconti, le poesie, le filastrocche, gli articoli, del maestro Ercole Bonjean

Com'è bello scrivere! Da quando sono in pensione lo posso fare in ogni momento: di giorno, di notte, ogni occasione è buona. Questa passione nasce da esigenze didattiche per poi sfociare in un mia esigenza personale. Scrivere racconti, poesie, filastrocche, è diventato un momento piacevole della giornata. Dai dati di Google in mio possesso ho scoperto che i miei scritti hanno superato, in questi anni, le cinquecentomila visualizzazioni di pagina a riprova dell'interesse delle lettrici e dei lettori del sito per il mio lavoro. Ho quindi pensato di creare un apposito link con tutti i miei scritti a cui se ne aggiungeranno spero ancora molti altri. Non mi resta che augurarvi buona lettura. Racconti e descrizioni : Sogno di Natale La descrizione di un fenomeno naturale: "La bufera" (The storm) - La metafora nel testo descrittivo Perché si dice "Chi dorme non piglia pesci"? Perché si dice: "Tanto va la gatta al lardo che ci lascia lo zampino" Perché si

"Regalo di Natale" di Ercole Bonjean

<
Regalo di Natale

“Mamma voglio un grande regalo”.
“L’erba voglio non nasce neanche nel giardino del re”.
“Vorrei un solo regalo per questo Natale”.
“Riceverai tanti regali, non uno solo”.
“Sì, ma io desidero un solo regalo”.
“Cosa puoi volere di più?”.
“Le coccole di Maria a Bambino Gesù!”.

Ercole Bonjean


Commenti

  1. Caro Ercole,
    la semplicità e la delicatezza di queste poche righe sono per me disarmanti:
    ci affanniamo, come genitori, a cercare la luna o quasi per i nostri figli (specie in questi anni di consumismo estremo, nonostante la "crisi") e spesso dimentichiamo la cosa più importante: dimostrare l' Amore attraverso la Tenerezza di piccoli gesti quotidiani...
    So che sembrano (e forse lo sono) parole retoriche, ma confermo nella mia esperienza di mamma che nessuna cosa accende il volto dei miei piccoli, quanto le carezze sincere della mamma.

    RispondiElimina
  2. Grazie. E' la cosa più semplice che sfugge facilmente a tanti genitori e non solo; quanto tu dici non è sicuramente retorico, ma alla luce di quanto accade diventa piacevolmente originale e da applicare. Amare un figlio, un marito, una mamma, vuol dire gesti semplici, anche fisici, fondamentali. Un abbraccio avvicina più di tante parole, a Natale come a Santo Stefano, in uno stupefacente giorno qualunque.

    RispondiElimina

Posta un commento

I vostri preferiti degli ultimi sette giorni

TITOLI DI TEMI

Prove di ingresso scuola media - Schede stampabili e gratuite

Esercizi di analisi grammaticale per la classe quinta

Dettato ortografico per la prima classe della scuola media (verifica dei prerequisiti ortografici)

I nomi difettivi, sovrabbondanti, invariabili: spiegazioni ed esercizi per la scuola primaria.

Verifica di analisi grammaticale per la classe quarta della scuola primaria. - Schede stampabili

I racconti, le poesie, le filastrocche, gli articoli, del maestro Ercole Bonjean

Esercizi di analisi grammaticale per la classe terza della scuola primaria - Schede stampabili

Testi utili per il riassunto

La descrizione di una persona cara: la nonna. Il testo e la traccia del lavoro.