"Pasqua" poesia di Oscar Wilde





Pasqua

Le trombe argentee squillarono nella Cupola:
       La gente cadde in ginocchio a terra emozionata:
       E recato sul collo degli uomini io vidi,
Come un gran Dio, il Santo Signore di Roma.
Sacerdotale, egli portava una veste più bianca della spuma,
       E, regale si paludava in rosso maestoso,
       Tre corone d'oro gli si levavano alte sul capo:
In splendore e in luce il Papa passò.
Furtivamente il mio cuore ripercorse ampi deserti d'anni
        Fino a Uno che vagò presso un mare solitario,
        Ed invano cercò un luogo di riposo:
        “Le volpi han tane, e ogni uccello ha il nido.
Io, solo io, debbo vagare stanco,
Piegarmi i piedi, e bere vino e sale di lacrime.

Commenti

Post popolari in questo blog

I nomi difettivi, sovrabbondanti, invariabili: spiegazioni ed esercizi per la scuola primaria.

Verifica di analisi grammaticale per la classe quarta della scuola primaria. - Schede stampabili

Rimborso delle spese sanitarie per gli insegnanti della scuola dell'infanzia e della scuola primaria: ex ENAM ora INPDAP - Modello per il contributo

Esercizi di analisi grammaticale per la classe quinta

I nomi concreti e i nomi astratti

Esercizi di analisi logica per la scuola primaria

Geografia - Le regioni d'Italia - L'Abruzzo - Spiegazioni e prova di verifica per la classe quinta della scuola primaria

Che cos'è la storia?

I termini della moltiplicazione: moltiplicando, moltiplicatore, prodotto, fattore