DIDATTICA SCUOLA PRIMARIA

Didattica Scuola Primaria di Ercole Bonjean

Didattica della lingua italiana - Didattica della Storia - Didattica della Geografia - Didattica della matematica - Il metodo globale fonematico - Esercizi di grammatica - Testi di vario tipo - Prove di verifica - Lettura e comprensione del testo - Ortografia - Schemi per la costruzione del testo - Schede di dettati svolti in classe - Schede di valutazione delle competenze - Aspetti normativi e deontologici della funzione docente - Il testo poetico: analisi ed interpretazione, schemi di lavoro, schede.

venerdì 9 ottobre 2015

Gli avverbi: percorsi operativi di apprendimento per la scuola primaria

Il sito didattica scuola primaria propone numerosi link relativi ai avverbi inerenti al lavoro svolto in classe dai bambini nella scuola primaria. Non è detto che non possano risultare utili quale spunto per le varie attività didattiche. Puoi accedere a tutti i post relativi a questo argomento nella seguente sezione del sito:

Gli avverbi

Eccovi un esempio del lavoro svolto:











Saper individuare ed usare gli avverbi.

Scriviamo e leggiamo:

La mosca

C'era una mosca sul muro che pareva immobile ma a guardarla bene ora cacciava fuori la piccola proboscide e pompava, ora si nettava celermente le esili zampine anteriori stropicciandole pazientemente.

La protagonista del breve brano è una mosca che compie più azioni, ogni azione è caratterizzata da un avverbio.

La mosca > soggetto protagonista

VERBI             AVVERBI

era                     lì
guardare         bene
cacciava          fuori
pompava        ora
si nettava       celermente
stropicciava     pazientemente

Tutte le risposte indicano in che modo venivano compiute le azioni che compie il soggetto.
La grammatica definisce tali parole avverbi.
L'avverbio è parola che deriva dal latino adverbium ad > accanto, verbum  che vuol dire parola, verbo, e si mette accanto ad un'altra parola per meglio precisarne il significato.

Scopriamo ora l'origine degli avverbi.
Rispondiamo alle domande:

- Come stai?
- Io sto discretamente.
- Io sto ottimamente.
- Io sto meravigliosamente.
- Io sto bene.
- Io sto male.

I primi tre avverbi sono formati da:

aggettivo > discreto + suffisso > mente
aggettivo > ottimo + suffisso > mente
aggettivo > meraviglioso + suffisso > mente

Gli ultimi due avverbi: benemale, sembrano aggettivi ma non lo sono perché caratterizzano il significato del verbo. Per distinguerli dagli aggettivi basta considerare una caratteristica tipica degli avverbi: l'invariabilità.

Al lavoro!

Individua nelle seguenti frasi gli avverbi di modo e sottolineali:
  • La leonessa si batté coraggiosamente per difendere i suoi piccoli.
  • Se tu eseguissi il tuo lavoro attentamente raggiungeresti migliori risultati.
  • Papà mi loda o mi rimprovera ingiustamente nelle varie occasioni.
  • Ogni volta che eseguo bene il compito faccio salti di gioia, ma se lavoro male mi viene voglia di urlare.
  • Vai forte, papà!
Compito

Costruisci una frase per ognuno degli avverbi sottolineati:
  • Il guerriero si batté coraggiosamente per difendere il suo popolo.
  • Giovanni ascolta attentamente, infatti è il più bravo della classe.
  • Il giudice punì giustamente il criminale dopodiché fu messo in prigione.
  • Quei ragazzi andavano troppo forte in moto, rischiavano di cadere.  
Se questo post ti è piaciuto, condividilo su FaceBook, Twitter o Google Plus
Se non hai trovato quello che cercavi, cerca nel sito

0 commenti:

Posta un commento