La cicala e la formica: cambio il finale della storia.


La cicala e la formica

Era un'estate felice per la cicala che si godeva il sole sulle foglie degli alberi e cantava, cantava, cantava. Venne il freddo e la cicala si trovò senza rifugio e senza cibo.
Si ricordò della formica che per tutta l'estate aveva accumulato provviste nella sua calda casina sotto terra. Andò dunque a bussare alla porta della formica. La formica venne ad aprire reggendo una vecchia lampada ad olio.
- Cosa vuoi? - chiese piuttosto seccata.
- Ho freddo, ho fame ... - balbettò la cicala. Dietro di lei si vedeva la campagna innevata.
- Ah sì! - disse la formica.
- Io ho lavorato tutta l'estate per accumulare per l'inverno. Tu cosa hai fatto in quelle giornate di sole?
- Io ho cantato.
- Hai cantato! ... Ebbene adesso balla!
La formica sbatté la porta e tornò alle sue faccende, mentre la cicala, con il suo violino coperto di neve, si allontana ad ali basse nella campagna.

Un finale diverso per "La cicala e la formica"

... - Va bene entra, però mi dovrai aiutare nelle faccende di casa.
La cicala si mise subito al lavoro; per prima cosa andò a tagliar la legna, cucinò per il pranzo, spolverò i mobili, lavò il pavimento. Andò dalla formica e le disse ciò che aveva fatto. Da quel giorno diventarono grandissime amiche.



Link correlati a questo post:





Commenti

Post popolari in questo blog

Primi giorni di scuola in classe quarta - italiano

Primi giorni di scuola in classe terza - italiano

Primi giorni di scuola in classe seconda - italiano

Che cos'è la storia?

Primi giorni di scuola in classe quinta - italiano

Primi giorni di scuola in classe prima - italiano

ANALISI GRAMMATICALE (classe quinta)

Che cos'è la geografia?

Le origini della nascita della Terra: il Big Bang.

Anno scolastico 2008/2009 - scuola primaria - italiano - classe prima