Racconto: "Neve in montagna".




Neve in montagna

La neve saliva, e gli uomini scavavano stretti passaggi per uscire e andare da una casa all'altra. 
Del resto ogni casa era fornita del necessario, come una nave che sverna nei mari gelati ...
Vi fu qualche turbine di vento. 
La neve, sollevata, mulinava, ricadeva in stracci leggeri. La foresta gemeva, e si udivano gli scoppi dei rami che, troppo carichi e troppo tormentati, si spezzavano.
In quei giorni la furia dell'aria riusciva a svelare tra le nubi larghi specchi di azzurro, e un raggio di sole accendeva fra tanto candore un brillio infinito. Sotto a un cielo di stelle la neve gelava, e nella tarda alba diffondeva riflessi di madreperla. 
Poi di nuovo la cenere chiara si adunava da ogni parte, e ancora cadevano fitte le piume bianche.

Giuseppe Fanciulli

Post più popolari

La primavera

Poesia di primavera: "Brilla nell'aria" di Giacomo Leopardi

Ritorna la primavera - Brano tratto da "Il Gigante Egoista" di Oscar Wilde - Lettura e comprensione del testo - Approfondimenti grammaticali

L'aggettivo qualificativo: spiegazioni ed esercizi - Schede stampabili

La descrizione del papà

Dettato: "Aspetti della primavera in campagna". Spunti grammaticali.

Primavera di Giovanni Pascoli

Geografia - Le regioni d'Italia - Il Lazio - Spiegazioni e prova di verifica per la classe quinta della scuola primaria

Verifica di lingua italiana: corretto uso della lettera h (classe seconda).

E' arrivata la primavera!