DIDATTICA SCUOLA PRIMARIA

Didattica Scuola Primaria di Ercole Bonjean

Didattica della lingua italiana - Didattica della Storia - Didattica della Geografia - Didattica della matematica - Il metodo globale fonematico - Esercizi di grammatica - Testi di vario tipo - Prove di verifica - Lettura e comprensione del testo - Ortografia - Schemi per la costruzione del testo - Schede di dettati svolti in classe - Schede di valutazione delle competenze - Aspetti normativi e deontologici della funzione docente - Il testo poetico: analisi ed interpretazione, schemi di lavoro, schede.

martedì 21 ottobre 2014

Genitori e figli - L'identikit

Qual è l'identikit dell'educatore di oggi? Quali i requisiti per poter adempiere pienamente e con piacere all'essere genitore, un buon genitore, un buon padre od una buona madre. Qual è la ricetta per vivere meglio? Non vi sono ricettari ad hoc, a meno che non ci si trovi di fronte a tarocchi. Ogni bambino, ogni individuo, è simile agli altri ma nel contempo anche diverso, piacevolmente diverso, qualche volta molto diverso. Non vi è motore di ricerca che trovi il sito delle verità in educazione. La premessa tuttavia la conosciamo ed è molto semplice, banale, scontata: al proprio figlio occorre voler bene. Se poi andiamo a vedere cosa realmente questo significa, dal semplice passiamo al complesso, dobbiamo andare oltre la premessa indispensabile ed imprescindibile, da cui deriva tutto il resto per poi calarci nei fatti concreti della vita di ogni giorno. Voler bene può voler dire tante cose. Quando mia figlia non vuole darmi la mano e siamo pedoni a rischio di vita, se gli voglio bene m'impongo e la mano me la dà, che lo voglia o no.
In questo caso voler bene significa sconfinare nell'autoritarismo. Non è poi proibito, dopo averle salvato la pelle, spiegarle il perché di quella mano apparentemente violenta che stringe con forza.
Mio figlio ha studiato, ha fatto il suo dovere e chiede di andare al cinema come promesso, come giusto premio, ma sono stanco ho avuto una settimana terribile ed ho la mia squadra del cuore in diretta su Sky. “La prossima volta, prima o poi, quel film lo rivedremo a casa, tranquilli senza doverci muovere, te lo prometto”. Si siede in poltrona e si eclissa. Mentre si rialza, si stiracchia e sbadiglia: “Che partita del cavolo, abbiamo vinto ma non mi sono divertito, ventidue vacche al pascolo nel prato!".

(Ercole Bonjean)

Link correlati a questo post:

Genitori e figli


Visualizza e stampa con Google Docs
Se questo post ti è piaciuto, condividilo su FaceBook, Twitter o Google Plus
Se non hai trovato quello che cercavi, cerca nel sito

0 commenti:

Posta un commento