DIDATTICA SCUOLA PRIMARIA

Didattica Scuola Primaria di Ercole Bonjean

Didattica della lingua italiana - Didattica della Storia - Didattica della Geografia - Didattica della matematica - Il metodo globale fonematico - Esercizi di grammatica - Testi di vario tipo - Prove di verifica - Lettura e comprensione del testo - Ortografia - Schemi per la costruzione del testo - Schede di dettati svolti in classe - Schede di valutazione delle competenze - Aspetti normativi e deontologici della funzione docente - Il testo poetico: analisi ed interpretazione, schemi di lavoro, schede.

mercoledì 30 luglio 2014

Prova d'ingresso per la quarta classe della scuola primaria. - Scheda stampabile


.........................................              …....................................

La lepre e la tartaruga

La lepre un giorno si vantava con gli altri animali: - Nessuno può battermi in velocità - diceva - sfido chiunque a correre come me. La tartaruga, con la sua solita calma, disse: - Accetto la sfida. - Questa è buona – esclamò la lepre e scoppiò a ridere.
-Non vantarti prima di aver vinto replicò la tartaruga. - Vuoi fare questa gara? -Così fu stabilito un percorso e dato il via.
La lepre partì come un fulmine: quasi non si vedeva più, tanto era già lontana. Poi si fermò, e per mostrare il suo disprezzo verso la tartaruga si sdraiò a fare un sonnellino. La tartaruga intanto camminava con fatica, un passo dopo l'altro, e quando la lepre si svegliò, la vide vicina al traguardo. Allora si mise a correre con tutte le sue forze, ma ormai era troppo tardi per vincere la gara.
La tartaruga sorridendo disse: "Non serve correre, bisogna partire in tempo."
Esopo

A1. Chi sono i protagonisti della storia?
A. La lepre.
B. La tartaruga.
C. La lepre e la tartaruga.


A2. Di cosa si vantava la lepre:
A. Di essere il più veloce degli animali.
B. Di battere la tartaruga.
C. Di essere il re degli animali.

A3. Perché la tartaruga accettò la sfida della lepre?
A. Sapeva di correre più veloce.
B. Sperava nella fortuna.
C. Immaginava che la lepre fosse troppo sicura di sé.

A4. Perché la tartaruga vinse la gara :
A. Corse più veloce.
B. La lepre ebbe un incidente.
C. La lepre, sicura della vittoria, si fece un bel pisolino.



A5. Cosa ci insegna questa storia:
A. A non essere presuntuosi.
B. Ad allenarsi ogni giorno per correre più veloci.
C. A partecipare a tante gare di corsa.
A6. Nella frase: “Nessuno può battermi in velocità”, qual è il nome comune?
A. velocità.
B. può.
C. Nessuno.


A7. Nella frase: “... esclamò la lepre”, il verbo è espresso:
A. Al presente.
B. Al futuro semplice.
C. Al passato remoto.


A.8 Nella frase: “ … per mostrare il suo disprezzo, la parola suo è:
A. Un aggettivo qualificativo.
B. Una preposizione semplice.
C. Un aggettivo possessivo.


A9. Nella frase: “Accetto la sfida”, quale parola ha la funzione di soggetto:
A. sfida.
B. accetto.
C. io.


A10. Nella frase: “ Accetto la sfida ”, la parola sfida in grammatica è:
A. Un soggetto.
B. Un complemento oggetto.
C. Un predicato verbale.




Se questo post ti è piaciuto, condividilo su FaceBook, Twitter o Google Plus
Se non hai trovato quello che cercavi, cerca nel sito

0 commenti:

Posta un commento