Verifica di italiano per la classe quarta della scuola primaria. Scheda stampabile del lavoro.



 


 






Verifica di italiano per la classe quarta

Le due caramelle magiche

Tanti anni fa, in una scuola del paese delle fate, c'era un bambino di nome Matteo che frequentava la classe terza. Questo bambino non otteneva mai ottimi risultati, era intelligente e buono ma non interveniva mai alle lezioni, era sempre chiuso perché non aveva fiducia in sé stesso ed era triste.
Un giorno che Matteo era assente per una visita medica, il maestro Magister portò i suoi alunni in palestra e, alla fine, si fermarono a discutere sul problema di Matteo perché erano tutti molto preoccupati. Magister, però, capì che Matteo aveva bisogno di molto affetto e di molta comprensione.
Trovata la soluzione, Magister non sapeva comunque come risolvere il problema; pensò a lungo e poi chiamò la fata Amor, l'unica che potesse aiutare Matteo con qualche magia.
Quando Amor arrivò, Magister le espose subito il problema del suo alunno; la fata rifletté parecchio tempo e pensò di creare una caramella contro la timidezza e un'altra per la fiducia. Quando Amor consegnò le due caramelle a Magister, lui le diede subito a Matteo che se le mangiò e pian piano divenne sempre meno timido, intervenne di più alle lezioni e alla fine dell'anno ebbe degli ottimi voti.

Link correlati a questo post:



Commenti

Post popolari in questo blog

La primavera

Racconto di Pasqua: tema con schema di lavoro : "Il coniglio Pasqualino".

Verifica di analisi grammaticale per la classe quarta della scuola primaria. - Schede stampabili

Divisioni con il resto: esempio, prova, esercizi

Festività e ricorrenze: percorsi didattici per la scuola primaria. - Natale, Pasqua, Carnevale, Festa della mamma, Festa del papà, San Valentino.

Esercizi di analisi logica per la scuola primaria

L'aggettivo qualificativo: spiegazioni ed esercizi - Schede stampabili

Il paese delle uova di cioccolato - Analisi del testo

Esercizi di analisi grammaticale per la classe quinta

"Pasqua" poesia di Ada Negri