Raccontare un'esperienza: tema "Un viaggio su un pianeta inesplorato: scopro la biblioteca di Imperia".









La visita alla biblioteca civica di Imperia ha letteralmente appassionato gli alunni: hanno posto domande interessanti e pertinenti, preso appunti, scoperto un mondo affascinante che mi auguro li accompagnerà per tutta la vita. Ecco un buon esempio di come i bambini hanno vissuto questa importante esperienza.


Un viaggio su un pianeta inesplorato: scopro la biblioteca di Imperia.

Ci trovavamo davanti al portone della biblioteca di Imperia e io cercavo di immaginare come potesse essere all'interno un palazzo così importante per la nostra città.


Appena entrati nella sala d'ingresso mi ricordai improvvisamente della mia prima visita a quella biblioteca per fare una ricerca di storia: era stato bellissimo, e più ci pensavo e più ero impaziente di entrare. I maestri ci hanno finalmente portati in una sala consultazione dove si trovavano due lunghi tavoli sopra i quali c'erano moltissimi libri di vario genere per i ragazzi. In quella stanza c'era una signora Silvia Bonjean, la direttrice, che ci ha fatto accomodare. quest'ultima è la sorella del maestro Ercole e ci ha spiegato come funziona una biblioteca civica. "In una biblioteca vi sono libri, (monografia) e giornali (periodici). "Vi sono inoltre delle sezioni di pregio: il fondo locale, che è un insieme di libri di storia e cultura locale, il fondo antico, dove si trovano libri e periodici che sono stati scritti prima del 1830. Questa biblioteca è stata formata da Leonardo Lagorio quando le due città (Porto Maurizio e Oneglia) si sono unite e hanno formato Imperia, inoltre vi si trovano circa 63000 volumi e i più vecchi risalgono al 1400. Subito dopo è entrata nella sala la signora Gastaldi, il braccio destro e sinistro della direttrice, che ci ha mostrato un insieme di giornali "riparati", uniti e rilegati in una copertina e in un antico libro intitolato "Porto Maurizio, antichi documenti". Osservando i giornali ho notato che risalivano al 1889. A quel punto il maestro ha proposti di fare delle domande a Silvia e a Isa. quindi ognuno di noi ha posto domande di ogni tipo: io ho chiesto come vengono controllati i libri prima che i visitatori possano controllarli e la signora Gastaldi ha detto che prima di tutto bisogna controllare lo stato del libro, poi bisogna timbrare il frontespizio e l'ultima pagina e infine preparare una scheda per conoscerlo meglio. Dopo la signora Silvia ha spiegato che se una persona prende in prestito un libro e non lo restituisce entro il tempo stabilito viene sospeso dal prestito dei  libri e può solo consultarli in biblioteca. Nella biblioteca di Imperia vi sono libri di ogni genere: matematica, scienze, storia, ma i libri che io consulterei per primi sono quelli di racconti fantastici e quelli che parlano di animali. Infine, per chiudere la nostra visita alla biblioteca, le signore Isa e Silvia ci hanno guidati in una specie di deposito per libri dove sugli scaffali si  trovavano molti libri antichi che parlavano della Liguria e anche della città di Imperia.
Purtroppo, però, è arrivato il momento di tornare a casa. Io credo che tornerò molte volte a visitare la biblioteca per leggere, studiare e imparare molte cose.

(Arianna, classe quinta)


Commenti

Post popolari in questo blog

Esercizi di analisi grammaticale per la classe quinta

Verifica di analisi grammaticale per la classe quarta della scuola primaria. - Schede stampabili

Primi giorni di scuola in classe quarta - italiano

Esercizi di analisi logica per la scuola primaria

L'aggettivo qualificativo: spiegazioni ed esercizi - Schede stampabili

Primi giorni di scuola in classe terza - italiano

I nomi concreti e i nomi astratti

Divisioni con il resto: esempio, prova, esercizi

Testi utili per il riassunto