DIDATTICA SCUOLA PRIMARIA

Didattica Scuola Primaria di Ercole Bonjean

Didattica della lingua italiana - Didattica della Storia - Didattica della Geografia - Didattica della matematica - Il metodo globale fonematico - Esercizi di grammatica - Testi di vario tipo - Prove di verifica - Lettura e comprensione del testo - Ortografia - Schemi per la costruzione del testo - Schede di dettati svolti in classe - Schede di valutazione delle competenze - Aspetti normativi e deontologici della funzione docente - Il testo poetico: analisi ed interpretazione, schemi di lavoro, schede.

martedì 12 novembre 2013

Il testo argomentativo: "I compiti per casa sono davvero necessari?" - Traccia del lavoro, il tema svolto.










Tema

I compiti per casa sono davvero necessari?

Traccia del lavoro

Introduzione

Introduco l'argomento con una mia opinione.

Svolgimento

Argomenti a favore
  • E' un esercizio che ci aiuta a comprendere meglio il lavoro svolto a scuola.
  • Si approfondiscono gli argomenti svolti in classe.
  • Svolgendo i compiti ci rendiamo conto di cosa non si è capito durante la lezione.
  • Studiare le lezioni ci permette di memorizzare e di rielaborare ciò che è stato spiegato dagli insegnanti.
  • I compiti sono necessari perché ci aiutano ad essere autonomi, ad imparare a cavarcela da soli.

Argomenti a sfavore
  • I compiti non devono occupare troppo del nostro tempo libero.
  • I compiti ci devono interessare.
  • Anche se utili molto spesso per noi sono un sacrificio.
Conclusione

Termino con un commento che sintetizza l'argomento.

Tema

I compiti per casa sono davvero necessari?

Che noia, altri compiti da fare! Quasi tutti i giorni tornando da scuola ci sono degli esercizi da svolgere. Ogni tanto mi chiedo se i compiti sono davvero necessari e mi rendo conto che, anche se a volte sono noiosi, ci permettono di comprendere e memorizzare ciò che è stato svolto la mattina. Spesso noi bambini pensiamo che i compiti siano solo una perdita di tempo, invece ci aiutano ad esercitarci e servono a dimostrare ciò che abbiamo capito; se invece non comprendiamo qualcosa riusciamo a dimostrarlo sempre attraverso gli esercizi per casa e in questo caso i maestri ci aiutano a superare le nostre incertezze. Negli anni passati per fare i compiti avevamo bisogno della presenza e dell'aiuto costante di un adulto, mentre adesso che siamo cresciuti siamo in grado di eseguirli da soli dimostrando di aver raggiunto maggiore autonomia. Anche adesso, qualche volta è piacevole e utile avere un piccolo aiuto da parte della mamma. I compiti però non devono occupare troppo tempo affinché gli alunni possano svolgere attività di svago, infatti i nostri maestri non cene assegnano mai troppi e se a volte la quantità di compiti è eccessiva è perché probabilmente ci siamo organizzati male.
In questa situazione mi sono trovata anch'io soprattutto in quarta elementare. Molte volte prima di fare i compiti io mi lamento un po' perché preferisco giocare e perché anche se sono un dovere non sono affatto divertenti e per noi bambini sono un piccolo sacrificio. A volte io per trovare un pretesto per non fare i compiti ripeto più e più volte che sono troppi ma in realtà non è vero, è solamente un mio capriccio. Ogni tanto per convincermi a concentrarmi su un esercizio per casa penso che questo sia il mio lavoro; la mamma va in ufficio, il papà aggiusta i condizionatori ... e io faccio i compiti e vado a scuola.
Insomma come tutti i lavori i compiti sono davvero utili, ma, diciamo la verità, anche un po' noiosi!

(Arianna, classe quinta, II quadrimestre)

Link correlati a questo argomento:




Se questo post ti è piaciuto, condividilo su FaceBook, Twitter o Google Plus
Se non hai trovato quello che cercavi, cerca nel sito

0 commenti:

Posta un commento