DIDATTICA SCUOLA PRIMARIA

Didattica Scuola Primaria di Ercole Bonjean

Didattica della lingua italiana - Didattica della Storia - Didattica della Geografia - Didattica della matematica - Il metodo globale fonematico - Esercizi di grammatica - Testi di vario tipo - Prove di verifica - Lettura e comprensione del testo - Ortografia - Schemi per la costruzione del testo - Schede di dettati svolti in classe - Schede di valutazione delle competenze - Aspetti normativi e deontologici della funzione docente - Il testo poetico: analisi ed interpretazione, schemi di lavoro, schede.

venerdì 8 novembre 2013

Descrivo la neve che scende e i mutamenti che provoca nella natura. - Traccia del testo

Descrivo la neve che scende e i mutamenti che provoca nella natura

Oggi è una giornata invernale.
La neve scende fitta e ricopre con i suoi fiocchetti tutto il paesaggio. trasformandolo, da una montagna variopinta, in una montagna di panna.
In quel momento la natura muta, non si sentono più i cinguettii degli uccellini, ma solo i lamenti degli animali che non riescono a trovare un rifugio dalla tempesta di neve.
Gli alberi essendo ghiacciati  non possono ospitare gli animali così vanno in letargo.
I fiori non ci sono più, vi è solo una distesa immensa di neve che di sera rattrista il paesaggio.
Al mattino il sole è forte e la neve si trasforma in una montagna di diamanti. Adesso comincia a sciogliersi la neve e ritornano i grandi prati verdi variopinti. La tristezza dell'inverno se ne sta andando e si sovrappone l'allegria della primavera.

(Martina, classe quinta)



Descrivo la neve che scende e i mutamenti che provoca nella natura - traccia del tema

Incipit - introduzione

Oggi è una giornata invernale.

Dati visivi - metafore

La neve scende fitta e ricopre con i suoi fiocchetti tutto il paesaggio. trasformandolo, da una montagna variopinta, in una montagna di panna.

Dati visivi e uditivi

In quel momento la natura muta, non si sentono più i cinguettii degli uccellini, ma solo i lamenti degli animali che non riescono a trovare un rifugio dalla tempesta di neve.
Gli alberi essendo ghiacciati  non possono ospitare gli animali così vanno in letargo.

Dati visivi - stati d'animo - metafore

I fiori non ci sono più, vi è solo una distesa immensa di neve che di sera rattrista il paesaggio.


Al mattino il sole è forte e la neve si trasforma in una montagna di diamanti. Adesso comincia a sciogliersi la neve e ritornano i grandi prati verdi variopinti. La tristezza dell'inverno se ne sta andando e si sovrappone l'allegria della primavera.

Link correlati a questo post:






Se questo post ti è piaciuto, condividilo su FaceBook, Twitter o Google Plus
Se non hai trovato quello che cercavi, cerca nel sito

0 commenti:

Posta un commento