Commemorazione dei defunti: racconto per la scuola primaria "Due novembre".


Due novembre

Quanti fiori di tanti colori: bianchi, gialli, rosati, violacei, azzurri come il cielo, in questa insolita giornata di novembre. Sono tiepidi oggi i raggi di un pallido sole; compare di tanto in tanto a riscaldarci, mentre gli alti cipressi controllano i passanti: con passo lento, in una lunga fila, si avvicinano per l'incontro con i propri cari. L'immagine sbiadita dei marmi è ricoperta da strisce dorate e solenni. In disparte una serie di croci senza nome, semplici, in legno povero, senza fiori. Solo i bambini fanno festa lì intorno, e giocano a nascondino, e corrono veloci per arrivare primi alla meta. Ora il luogo diventa un giardino colorato, si riempie di profumi e chiacchierii, di tanto in tanto una lacrima bagna la terra, vola tra le grigie nuvole una semplice preghiera.

Ercole Bonjean

Post simili a questo tema:


Post più popolari

La primavera

Poesia di primavera: "Brilla nell'aria" di Giacomo Leopardi

La descrizione del papà

Ritorna la primavera - Brano tratto da "Il Gigante Egoista" di Oscar Wilde - Lettura e comprensione del testo - Approfondimenti grammaticali

Schema per la descrizione della persona

L'aggettivo qualificativo: spiegazioni ed esercizi - Schede stampabili

Primavera di Giovanni Pascoli

Dettato: "Aspetti della primavera in campagna". Spunti grammaticali.

Festa del papà

Verifica di lingua italiana: corretto uso della lettera h (classe seconda).