DIDATTICA SCUOLA PRIMARIA

Didattica Scuola Primaria di Ercole Bonjean

Didattica della lingua italiana - Didattica della Storia - Didattica della Geografia - Didattica della matematica - Il metodo globale fonematico - Esercizi di grammatica - Testi di vario tipo - Prove di verifica - Lettura e comprensione del testo - Ortografia - Schemi per la costruzione del testo - Schede di dettati svolti in classe - Schede di valutazione delle competenze - Aspetti normativi e deontologici della funzione docente - Il testo poetico: analisi ed interpretazione, schemi di lavoro, schede.

giovedì 18 aprile 2013

La migrazione degli uccelli






La migrazione degli uccelli

Il freddo rappresenta un pericolo per la vita di molti animali.
Gli insetti all'arrivo del freddo muoiono; allora gli uccelli che si cibano d'insetti, come la rondine, non hanno più nulla da mangiare e per sopravvivere migrano nei luoghi dove fa caldo e dove trovano gli insetti.
Gli uccelli che mangiano dolo insetti si chiamano insettivori.

Comprensione del testo
Perché le rondini migrano?
Le rondini migrano perché fa freddo e perché non troverebbero più niente da mangiare.

Partenza
Partono per i paesi caldi, al di là del mare, anatre ed oche selvatiche, gabbiani, allodole, pettirossi, capinere, storni e rondini. Lungo il viaggio riposano di tanto in tanto sulle navi, poi riprendono il volo guidati da un misterioso senso dell'orientamento che li riconduce sempre allo stesso nido.
Prima di lasciare i nostri paesi le rondini si radunano sui fili del telegrafo; s'alzano poi in volo e girano nel cielo quasi a salutare tutto e tutti.

Di giorno e di notte
Gli uccelli migratori non compiono il viaggio tutti nello stesso modo.
Di giorno migrano: ghiandaie, fringuelli, falchi e piccioni.
Di notte migrano: cuculi, usignoli, scriccioli, che sono i più piccoli e i più deboli, perciò durante il giorno cercano cibo e riposano.
Di giorno e di notte migrano i volatili più bravi: anatre, oche, cigni e cicogne.


Se questo post ti è piaciuto, condividilo su FaceBook, Twitter o Google Plus
Se non hai trovato quello che cercavi, cerca nel sito

0 commenti:

Posta un commento