Il punto interrogativo e il punto esclamativo (classe seconda)




Giovedì 20 maggio 1993
Punto interrogativo e punto esclamativo

Il punto interrogativo e il punto esclamativo sono i segni di punteggiatura che servono ad indicare una particolare intonazione di voce.
Il punto interrogativo si mette al termine di una frase per far capire che si pone una domanda.
Il punto esclamativo si mette al termine di una frase per esprimere meraviglia, paura, gioia, stupore ecc.

Esempio:
- Dove abiti?
- Io abito in via San Francesco.

Scriviamo alcune espressioni con il punto esclamativo, specificando che cosa esprimono.

Esempio:
- Che fifa! (paura)
- Che bella festa! (gioia)
- Al ladro! (paura)
- Oh, chi si rivede! (meraviglia)
- Che bel regalo! (sorpresa)
- Poveretto! (dolore)


Visualizza e stampa con Google Docs

Post più popolari

La primavera

Poesia di primavera: "Brilla nell'aria" di Giacomo Leopardi

Ritorna la primavera - Brano tratto da "Il Gigante Egoista" di Oscar Wilde - Lettura e comprensione del testo - Approfondimenti grammaticali

L'aggettivo qualificativo: spiegazioni ed esercizi - Schede stampabili

La descrizione del papà

Dettato: "Aspetti della primavera in campagna". Spunti grammaticali.

Primavera di Giovanni Pascoli

Geografia - Le regioni d'Italia - Il Lazio - Spiegazioni e prova di verifica per la classe quinta della scuola primaria

Verifica di lingua italiana: corretto uso della lettera h (classe seconda).

E' arrivata la primavera!