DIDATTICA SCUOLA PRIMARIA

Didattica Scuola Primaria di Ercole Bonjean

Didattica della lingua italiana - Didattica della Storia - Didattica della Geografia - Didattica della matematica - Il metodo globale fonematico - Esercizi di grammatica - Testi di vario tipo - Prove di verifica - Lettura e comprensione del testo - Ortografia - Schemi per la costruzione del testo - Schede di dettati svolti in classe - Schede di valutazione delle competenze - Aspetti normativi e deontologici della funzione docente - Il testo poetico: analisi ed interpretazione, schemi di lavoro, schede.

giovedì 14 luglio 2011

La descrizione di un fenomeno naturale: la pioggia, schema dell'unità didattica.


Una giornata di pioggia

Schema

Dati visivi: i lampi, i fulmini, il cielo cupo, in alcuni punti quasi nero, la pioggia che forma pozzanghere o che scorre creando dei piccoli ruscelli.
Dati uditivi: il rumore della pioggia, il rombo dei tuoni, il ticchettio della pioggia sulle finestre appannate o il rumore dello scroscio dell'acqua sui tetti e sugli alberi.
Sensazioni: paura quando sento il rombo dei tuoni o vedo un fulmine o un lampo; il piacere di essere nel calduccio della casa ben protetto.



Tema

Una giornata di pioggia

I lampi e i fulmini cominciavano a farsi sentire. Sembrava proprio che un brutto temporale stesse per arrivare. 
La pioggia era molto insistente e si sentiva battere sui tetti. Guardando dalla finestra di casa mia si vedeva il cielo cupo, provavo una sensazione di paura ma allo stesso tempo di piacere di stare in casa mia al calduccio e di essere protetta. Nelle discese l'acqua scorreva come un piccolo ruscello e nelle parti pianeggianti le pozzanghere erano piuttosto profonde. Mi sdraiai sul mio lettuccio per rilassarmi quando a un certo punto sentii il rombo dei tuoni minaccioso, ma non mi feci prendere dal panico.
Lessi un libro e mi addormentai tranquillamente.

Sara, classe quinta



Tema

Una giornata di pioggia

Era una giornata piovosa di ottobre, la gente era chiusa in casa al calduccio ad ascoltare il ticchettio della pioggia sulle finestre. Il cielo era cupo e in alcuni punti quasi nero. I fulmini e i lampi illuminavano il cielo per un secondo, ma dopo ritornava buio come prima. Si sentiva il rumore dei tuoni e dei ruscelli che scorrevano per la strada. Le pozzanghere si ingrandivano sempre più a causa della pioggia. Questa giornata mi ha fatto paura. Ma ho capito che non bisogna aver paura del temporale perché è una cosa naturale la pioggia. Secondo me è bello starsene a casa al calduccio.

Se questo post ti è piaciuto, condividilo su FaceBook, Twitter o Google Plus
Se non hai trovato quello che cercavi, cerca nel sito

0 commenti:

Posta un commento