DIDATTICA SCUOLA PRIMARIA

Didattica Scuola Primaria di Ercole Bonjean

Didattica della lingua italiana - Didattica della Storia - Didattica della Geografia - Didattica della matematica - Il metodo globale fonematico - Esercizi di grammatica - Testi di vario tipo - Prove di verifica - Lettura e comprensione del testo - Ortografia - Schemi per la costruzione del testo - Schede di dettati svolti in classe - Schede di valutazione delle competenze - Aspetti normativi e deontologici della funzione docente - Il testo poetico: analisi ed interpretazione, schemi di lavoro, schede.

giovedì 28 ottobre 2010

Il testo di tipo narrativo fantastico: "Un sogno".


Tema

Un sogno

Spesso, quando mi sveglio, la mamma mi chiede: "Hai sognato qualcosa di bello questa notte? Io quasi sempre rispondo di no perché non ricordo se ho sognato oppure no. Un sogno che però ricordo molto bene è questo: "Vivevo in un mondo di criceti. Ero immerso da piccoli topini e tra loro mi sentivo il più grande di tutti!

Erano talmente tanti che non sapevo più dove mettere i piedi. Loro erano bravi e mi portavano a esplorare tutti i particolari del loro villaggio. C'erano piazze con mini giochini, molti edifici e palazzi con rappresentati tutti i criceti più importanti. Le cose di ognuno dei topi erano piccolissime e quindi c'era il problema di dove mettermi a dormire. Io e i criceti decidemmo di costruire una casa grande, apposta per me. Al termine del lavoro la casa era stupenda. Si andava a scuola anche al loro villaggio: i criceti più piccoli andavano all'asilo mentre i più grandi frequentavano la scuola. Le mamme dei criceti, quando i propri figli tornavano a scuola, preparavano loro molti cibi: semi di girasole, maia etante altre cose.
Un brutto giorno, perà, arrivò al villaggio dei criceti un perfido gattaccio nero.
Loro tremavano dalla paura ma io, non temendo i gatti, lanciai al gattaccio una pigna così lui scappò.
Io diventai l'eroe di quel villaggio e, mentre i criceti stavano costruendo il mio monumento, suonò la sveglia e mi alzai. Quel mattino la mamma mi chiese: "Hai sognato stanotte?". Io risposi: "Finalmente sì!".

(Simone, classe quinta)

Link correlati questo post:



Visualizza e stampa con Google Docs

Se questo post ti è piaciuto, condividilo su FaceBook, Twitter o Google Plus
Se non hai trovato quello che cercavi, cerca nel sito

0 commenti:

Posta un commento