DIDATTICA SCUOLA PRIMARIA

Didattica Scuola Primaria di Ercole Bonjean

Didattica della lingua italiana - Didattica della Storia - Didattica della Geografia - Didattica della matematica - Il metodo globale fonematico - Esercizi di grammatica - Testi di vario tipo - Prove di verifica - Lettura e comprensione del testo - Ortografia - Schemi per la costruzione del testo - Schede di dettati svolti in classe - Schede di valutazione delle competenze - Aspetti normativi e deontologici della funzione docente - Il testo poetico: analisi ed interpretazione, schemi di lavoro, schede.

lunedì 25 ottobre 2010

Utilizzare un diverso codice linguistico a seconda dell'interlocutore.

Scriviamo e leggiamo i seguenti testi:
  1. La gita.
Mia madre mi svegliò dicendomi: “Sveglia poltrona!”. Proprio così. Io non capisco perché una parte così comoda dell'arredamento deve essere usata per insultarmi. Comunque mi alzai, mi preparai e mi diressi, mi dirigei o come cavolo si dice al passato, verso la scuola.
La gita per il Resegone è stata un divertimento unico dalla partenza al rientro. Infatti il baccano è stato irrefrenabile.
L'autista, tipo scontroso e suscettibile, ha scatenato una serie infinita di proteste. Ma chi l'ascoltava! Era un tale rompi! Che risate! Che stupidate! Non ce la facevamo più dal ridere! Persino gli insegnanti ridevano a più non posso.
  1. La gita.
Quella mattina la mia mamma mi svegliò dicendomi: “Svegliati, pigrona!”.
Io mi girai dall'altra parte, ma poi ricordai che dovevo andare in gita con i miei compagni di classe e senza perdere tempo mmi alzai e mi preparai.
Mi diressi, o dirigei, devo controllare la grammatica sul corretto uso dei verbi, verso la scuola. Il pullman era già arrivato.
Dalla partenza al rientro la nostra gita per il Resegone fu tutta un divertimento. Tra canti e baccano, non riuscivamo a frenarci. L'autista che, a dire il vero, era un tipo particolarmente suscettibile e scontroso, continuava a rimproverarci, a protestare, ma noi non gli davamo retta. Eravamo così impegnati a ridere che avevamo coinvolto anche gli insegnanti.

Confrontiamo i due testi e consideriamo gli elementi della comunicazione.
  1. Qual è l'argomento dei testi?
    L'argomento dei testi è la gita.
  2. Chi è il destinatario del primo testo?
    Il destinatario del primo testo è un compagno di classe.
  3. Chi è il destinatario del secondo testo?
    Il destinatario del secondo testo è un insegnante.
  4. In che cosa sono differenti i due testi? Perché?
    I due testi sono differenti nella forma, questo perché sono diversi i destinatari del messaggio.
  1. È diverso il contenuto dei due testi?
    No, il contenuto dei due testi non è diverso.

IN SINTESI

Un testo deve essere adeguato al destinatario, ciò determina uno stile (codice linguistico o forma) diverso.

Link correlato a questo post:

La descrizione soggettiva ed oggettiva

Visualizza e stampa con Google Docs

Se questo post ti è piaciuto, condividilo su FaceBook, Twitter o Google Plus
Se non hai trovato quello che cercavi, cerca nel sito

0 commenti:

Posta un commento