DIDATTICA SCUOLA PRIMARIA

Didattica Scuola Primaria di Ercole Bonjean

Didattica della lingua italiana - Didattica della Storia - Didattica della Geografia - Didattica della matematica - Il metodo globale fonematico - Esercizi di grammatica - Testi di vario tipo - Prove di verifica - Lettura e comprensione del testo - Ortografia - Schemi per la costruzione del testo - Schede di dettati svolti in classe - Schede di valutazione delle competenze - Aspetti normativi e deontologici della funzione docente - Il testo poetico: analisi ed interpretazione, schemi di lavoro, schede.

lunedì 25 ottobre 2010

La divisione in sillabe, gli accenti, la maiuscola e la minuscola, la punteggiatura. - Schede stampabili e gratuite.

La musica della parola
Mi piace pensare ai vari segni della punteggiatura come alle pause di uno spartito musicale nel quale le parole sono le note e i segni d’interpunzione le pause, i tempi dell’opera. Il compositore è libero di creare musica come desidera; mentre compone l’opera suona il pianoforte e sovente cambia le pause, talvolta cambia le note, e la musica cambia. E’ ciò che avviene quando si scrive, se sposti una virgola cambia il senso di quanto vogliamo affermare. La grammatica non può dettarci una regola che non ha regola. Sta a noi valutare attentamente quando occorra o meno inserire nello scritto il segno che ci sembra più adatto allo scopo. Il buon senso e la logica sono la regola non scritta a cui dobbiamo fare riferimento.
Come si scrive?   
                                                                         
Come si scrive la parola rocce? Maestro guardi ho trovato un errore d’ortografia sul nostro libro di lettura! Perché il cielo è azzurro? Cosa significa la parola obsoleto? Ringrazio il bambino che mi pone la domanda per rassicurarlo e metterlo a suo agio. Il dubbio è sinonimo di intelligenza e chi non ha mai dubbi è sfortunato; non potrà mai assaporare la bellezza di vivere nella sua interezza.  

La mia prima interrogazione 

Se sposto le lancette dell’orologio nella side bar del sito a destra, sì proprio quello, quell’affare rotondo azzurrino, che ogni giorno che passa diventa sempre più antipatico, di qualche milione di giri verso sinistra mi ritrovo al mio primo giorno di scuola. Trentasette anni fa ero già nella scuola elementare di piazza Roma, un pivello di ventidue anni allo sbaraglio. Fu in quell’occasione che presi un brutto voto, che non è detto  sia negativo in assoluto; è anche possibile che diventi un efficace antidoto all’ignoranza. Ero emozionatissimo e i bambini lo colsero al volo. Non sapendo cosa fare ebbi la malaugurata idea di sollecitarli a condurre la lezione. Dopo le presentazioni di rito li stimolai in questo senso. “Sono qui solo per oggi, perciò approfittatene per pormi qualche domanda, sarò lieto di potervi essere utile”. Due fari neri si accesero all’improvviso in contemporanea ad una bella fila di denti bianchi che si aprirono in un sorriso furbetto: “Ho sempre il dubbio su come si scrive la parola ciliegia al plurale, ci può spiegare quando occorre la i e quando  invece non si deve mettere?”. Ciliegie o ciliege? E perché? Sicuro risposi: “Beh, è molto semplice ciliegie e non ciliege”. La bambina mi contraddisse subito: “Anch’io pensavo fosse così, ma sul nostro libro di lettura c’è proprio scritto ciliege e non ciliegie”. Cominciai a sudare freddo ed ora avevo 25 fari puntati dentro ai miei. Per riparare all’errore, come spesso capita, ne feci uno peggiore. “Può anche succedere che sul libro vi siano degli errori”. Trascorsero alcuni secondi di quelli molto lunghi e poi all’unisono “Ci spieghi la regola” . La sapevo ma a quel punto non ero più sicuro di niente. Me la cavai proponendo alla vispa scolaresca di anticipare l’intervallo di circa un’oretta. Non si fecero pregare molto e si gettarono sulle focacce dimenticando, grazie a Dio, le ciliegie o le ciliege.
La regola
A distanza di 37 anni rispondo alla domanda della bambina. Non è errore né scrivere ciliegie, né scrivere ciliege, come è corretto scrivere provincie o province. Entrambe sfuggono alla regola che normalmente ci guida in caso di ragionevole dubbio. Le parole che sono precedute da vocale nella forma al plurale mantengono la i quindi avremo camicie, grigie, valigie. Le parole precedute da consonante perdono la i; avremo quindi rocce,  lance, piogge. Seguono la stessa regola anche le parole che terminano in scia; avremo quindi nella forma plurale di coscia – cosce, di fascia – fasce, di striscia – strisce.   
   












Visualizza e stampa con Google Docs

Link correlati:


grammatica

esercizi di grammatica

Se questo post ti è piaciuto, condividilo su FaceBook, Twitter o Google Plus
Se non hai trovato quello che cercavi, cerca nel sito

0 commenti:

Posta un commento