DIDATTICA SCUOLA PRIMARIA

Didattica Scuola Primaria di Ercole Bonjean

Didattica della lingua italiana - Didattica della Storia - Didattica della Geografia - Didattica della matematica - Il metodo globale fonematico - Esercizi di grammatica - Testi di vario tipo - Prove di verifica - Lettura e comprensione del testo - Ortografia - Schemi per la costruzione del testo - Schede di dettati svolti in classe - Schede di valutazione delle competenze - Aspetti normativi e deontologici della funzione docente - Il testo poetico: analisi ed interpretazione, schemi di lavoro, schede.

martedì 19 ottobre 2010

Il testo fantastico: lettura e comprensione del testo. - L'uccello mangiaerrori






L’uccello mangiaerrori

C'era una volta una bambina che non era molto brava a scuola, ma nessuno
se ne accorgeva perché, meraviglia di tutte le meraviglie, possedeva un uccello
«mangiaerrori». Questo uccello era di un bel blu vivo come l'inchiostro
blu e brillava e luccicava in modo veramente straordinario. Quando la
bambina faceva i compiti, scriveva le lettere e i numeri tutto d'un fiato,
senza starci a pensare e, naturalmente, faceva un mucchio di strafalcioni.
Ma poco male, perché, appena metteva il punto fermo, bastava che
dicesse: - Uccello mangiaerrori, divora! - e l'uccello volava da lei e
divorava tutti gli errori e anche tutte le macchie di inchiostro.
Un giorno una sua compagna di scuola le disse: - Vorrei tanto essere brava
come te. Tu non fai mai un errore nei tuoi compiti e io, invece, ne faccio
tanti!-
- Già, - disse la bambina - ma io ho un uccello che mangia gli errori. Basta
che io gli dica: «Uccello mangiaerrori, divora!», e quello mi divora tutti gli
errori-.
- Oh, - disse la compagna di scuola - oggi pomeriggio vengo anch'io da te
e mi porto tutti i quaderni -.
- Vieni senz'altro! - disse la bambina.
Ma, il pomeriggio, arrivarono con la compagna di scuola, molti altri
ragazzi e ragazze e tutti si precipitarono nella stanza portando i loro
quaderni. La bambina sparpagliò tutti i quaderni davanti all'uccello
mangiaerrori e gli disse: - Uccello mangiaerrori, divora! - E l'uccello
divorò, divorò, divorò, ma tutto ad un tratto si sentì un colpo sordo...
l'uccello mangiaerrori era scoppiato. Ma poiché dentro era tutto pieno
d'inchiostro e di errori, tutte le macchie e tutti gli errori tornarono nei
quaderni e i bambini, che se ne stavano lì tutti tristi, riebbero nei quaderni
le macchie e gli errori di prima e anche molti di più.
Intanto l'uccello mangiaerrori giaceva lì sul pavimento con le zampe
all'aria, stecchito. Era morto e stramorto. La bambina si mise a piangere
amaramente davanti all'uccello morto, mentre gli altri bambini uscivano
piano piano dalla porta. Ahimè, sapevano anche troppo bene che l'unico
uccello mangiaerrori che esisteva al mondo non avrebbe fatto quella triste
fine se a scuola essi fossero stati anche solo un pochino più diligenti e non avessero fatto tutti quegli errori nei quaderni.

Lettura e comprensione del testo

Rispondo alle domande:
  1. Che cosa possedeva la protagonista di questo racconto?
  2. Che cosa succede un pomeriggio?
  3. Come andò a finire?
  4. Qual è la causa di tutte le cose che succedono nel racconto?
Rispondo:
  1. La protagonista possedeva un uccello mangia errori.
  2. Un pomeriggio vennero gli amici di scuola con un quaderno.
  3. Andò a finire che l'uccello mangiaerrori, dopo aver corretto tutti i quaderni dei bambini scoppiò.
  4.  La causa di tutte le cose che succedono è data dai bambini che non si impegnano.
Link correlati a questo post:




Se questo post ti è piaciuto, condividilo su FaceBook, Twitter o Google Plus
Se non hai trovato quello che cercavi, cerca nel sito

0 commenti:

Posta un commento